.:: MELAMPUS.com ::.


www.melampus.com

Benvenuti su MELAMPUS.com, questo sito web a metà tra blog ed archivio di poesie è un modo unico per raccontare e raccontarsi. Il tipo nella foto a lato sono io, Lorenzo Ciucci, e ciò che troverete qua è una piccola ed importante porzione della mia vita... parafrasando Ungaretti potrei dire "Ho ripassato le epoche della mia vita, Questi sono i miei fiumi...". Prendere spunto da un personaggio di una leggenda mitologica per dare nome ad uno "spazio personale" può apparire strano, però sembrava così carino presentarmi come Melampo dal piede nero... eh sì... per uscire dalla normalità e dirigermi verso una direzione... quale essa sia eccomi su queste pagine !!!




Nebulose

"NEBULOSE" di Lorenzo Ciucci
(aforismi e poesie)

Compra NEBULOSE su LULU.com


...Sai dirmi in che maniera? Andar sotto padrone? Cercarmi un protettore? E come oscura edera che ha l'albero tutore, e s'appoggia arrampicandosi e leccandogli la scorza, potrei salir da furbo, e non invece a forza? No, grazie. Dedicare in ogni scartafaccio dei versi ai finanzieri? Mutarsi in un pagliaccio, sperando di vedere, sul labbro di un ministro, lo spasmo di un sorriso un po' men che sinistro? No, grazie. Banchettare ogni giorno da un pidocchio? Avere il ventre logoro dalle marcie, e il ginocchio più prestamente sporco nel punto in cui si flette? Rendermi primatista in dorso-piroette? No, grazie. Riconoscere talento ai dozzinali? Plasmarsi su ogni critica che appare sui giornali? E vivere sognando: "Oh, sento già il mio stile percorrere le bozze del Mercurio mensile"? No, grazie! Fare calcoli? Tremare? Arrovellarsi? Preferire una visita a un paio di versi sparsi? Stendere delle suppliche? O farsi commendare? No, grazie. No, grazie! No, grazie!! Ma cantare, sognare, ridere. Splendido. Da solo, in libertà. Aver l'occhio sicuro, la voce in chiarità. Mettersi se ti va di sghimbescio il cappello, per un sì, per un no, fare un'ode o fare un duello. Fantasticare, a caccia non di gloria o di fortuna, su un viaggio a cui si pensa, sulla luna! Se poi viene il trionfo, ebbene fatti suoi, ma mai, mai diventare un "come tu mi vuoi". E se pur quercia o tiglio davvero non si è, se vuoi proprio non alto, ma farcela da sé.

(dal "Cyrano di Bergerac" di Edmond Rostand)